I SEI TREND FINTECH PER IL 2024

In un panorama finanziario sempre più dinamico e interconnesso, il settore Fintech si erge come un fulcro cruciale di trasformazione e innovazione. Navigando attraverso un orizzonte in continua evoluzione, guidato dall’innovazione tecnologica e dalla crescente richiesta di soluzioni finanziarie flessibili, il 2024 si prospetta come un anno sempre più di convergenza tra tecnologia e servizi finanziari.

Per questo, aspettando la prossima edizione del Milan Fintech Summit, prgamozzata da Business International, la knowledge unit di Fiera Milano, e Fintech District e prevista l’8 e il 9 ottobre 2024 all’Allianz MiCo di Milano, abbiamo voluto approfondire la tematica attraverso un whitepaper realizzato da Qonto per delineare quali saranno i prossimi trend del settore da seguire per puntare al successo.

Nel contesto sempre più dinamico e interconnesso del panorama finanziario, spiegano gli esperti dell’unicorno francese, il settore Fintech si presenta come un ormai indispensabile epicentro di trasformazione e innovazione: un orizzonte in continuo cambiamento, guidato dall’innovazione tecnologica e dalla crescente domanda di soluzioni finanziarie flessibili e personalizzate. Una dimensione che, secondo gli esperti, ci porterà anche nel 2024 ad assistere a una convergenza sempre maggiore tra tecnologia e servizi finanziari e, alla luce della dinamicità dell’elevato numero di player nel settore, si potrà ipotizzare operazioni di fusione e acquisizione tra aziende fintech.

CONSOLIDAMENTO DEL SETTORE FINTECH

Negli ultimi anni, l’ecosistema fintech è cresciuto molto, anche in modo esponenziale. Ma con l’emergere di numerosi player arriva anche una forte concorrenza. Combinata con il contesto economico difficile, questa concorrenza porta inevitabilmente al consolidamento – che vedremo maggiormente nei prossimi mesi e anni. Ma il boom fintech non è ancora finito. L’ultimo report di Qonto sulle PMI rivela inoltre che le PMI mostrano un crescente interesse per la digitalizzazione e il Fintech. Vedremo quindi una crescente domanda di soluzioni Fintech nel 2024.

INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Come in moltissimi settori, l’intelligenza artificiale sta avendo un impatto molto importante anche sul Fintech e continuerà ad averlo anche nel prossimo futuro: l’adozione di algoritmi avanzati, machine learning e analisi predittive consentono la definizione di servizi finanziari altamente personalizzati in grado di anticipare le esigenze, garantendo una migliore gestione del rischio e una maggiore efficienza. La sinergia tra IA e fintech viene impiegata in modo estensivo anche nel rilevamento e nella prevenzione delle frodi. Inoltre, i chatbot dotati di funzionalità di intelligenza artificiale sono diventati fondamentali nel fornire assistenza in tempo reale e indicazioni personalizzate all’interno delle applicazioni fintech. Come evidenziato nel report di Qonto, le PMI europee mostrano grande ottimismo nei confronti delle nuove tecnologie, in particolare IA, fintech e IoT. Infatti, più di 3/4 degli intervistati sono “ottimisti” o “molto ottimisti” sui benefici che queste tre soluzioni potrebbero portare alla loro attività.

PAGAMENTI BIOMETRICI

La sempre maggiore integrazione dei pagamenti biometrici rivoluzionerà l’esperienza delle transazioni finanziarie, offrendo livelli di sicurezza e comodità molto elevati. L’utilizzo di tratti fisici unici, come impronte digitali, riconoscimento facciale e analisi delle impronte vocali sta diventando sempre più diffuso, sostituendo o integrando i tradizionali metodi di autenticazione. Questa tendenza ha il potenziale non solo di semplificare il processo di pagamento, ma anche di rafforzare la sicurezza delle transazioni, eliminando la necessità di password che potrebbero essere vulnerabili a frodi. L’adozione di queste tecnologie biometriche migliorerà l’accessibilità e la facilità d’uso dei servizi fintech, contribuendo a creare un’esperienza più fluida e sicura per gli utenti.

BUY NOW PAY LATER B2B

Buy Now Pay Later (BNPL) è un’opzione di finanziamento che ha guadagnato un’enorme popolarità a livello globale. La dimensione globale del mercato BNPL è stata valutata in 23,22 miliardi di dollari nel 2022 e si prevede che crescerà dai 30,38 miliardi di dollari nel 2023 ai 122,19 miliardi di dollari entro il 2030, con un tasso di crescita annuo composto (CAGR) del 22%. Si tratta sicuramente di uno strumento particolarmente attraente per i consumatori, che possono acquistare prodotti e pagarli a lungo termine senza tassi di interesse, ma offre vantaggi notevoli anche per imprenditori e PMI, tra cui un aumento delle vendite per esempio grazie alla collaborazione tra fornitori BNPL e piattaforme di e-commerce, motivo per cui BNPL si è evoluto come una tendenza del settore fintech che si intensificherà ulteriormente nel 2024.

OPEN BANKING

L’open banking è un concetto già ben conosciuto nel settore e sicuramente destinato a prosperare ulteriormente nei prossimi anni: questa pratica, che favorisce la condivisione sicura dei dati finanziari tra istituzioni finanziarie e fornitori di servizi terzi, ha catalizzato importanti innovazioni nel settore. Gli utenti, siano essi consumatori o imprese, godono di una maggiore flessibilità nella gestione dei propri conti, con la possibilità di aggregare informazioni finanziarie da diverse fonti e di accedere a soluzioni finanziarie personalizzate. Tuttavia, questo progresso non è privo di sfide, come la gestione sicura dei dati e la necessità di normative più specifiche. In questo contesto, il 2024 sarà testimone di una crescente collaborazione tra istituzioni finanziarie, Fintech e regolatori per sviluppare standard e protocolli che bilancino l’innovazione con la sicurezza, consentendo al concetto di open banking di consolidarsi come un pilastro fondamentale del sistema finanziario globale. Nella nuova direttiva PSD3, l’open banking sembrerebbe trovare nuova linfa vitale nella sua evoluzione al concetto di open finance, con la prospettiva di includere un quadro più ampio di dati finanziari che non riguardano solo l’accesso ai conti e le transazioni effettuate. Uno degli obiettivi principali della PSD3 è migliorare l’accesso ai conti (anche non solo di pagamento) e assicurare una maggiore interoperabilità tra diversi fornitori di servizi.

CRITERI AMBIENTALI, SOCIALI E DI GOVERNANCE (ESG)

I criteri ESG sono già da tempo entrati nelle aree del risparmio gestito, nelle politiche del credito, nelle strategie di sviluppo commerciale. L’attenzione verso la sostenibilità è sempre più centrale e spinge anche le aziende Fintech a considerare non solo i rendimenti finanziari, ma anche l’impatto ambientale, sociale ed etico delle proprie attività. Si assisterà sempre di più allo sviluppo di soluzioni innovative e di prodotti finanziari che rispecchiano questi criteri, consentendo a clienti e aziende di prendere decisioni finanziarie allineate con valori sostenibili. Questo approccio non solo riflette una crescente consapevolezza circa l’impatto globale delle attività finanziarie, ma contribuisce anche a creare un settore fintech più resiliente e orientato al futuro, in sintonia con una visione più ampia di prosperità sostenibile. In quest’ottica, nel 2023 Qonto ha annunciato la propria Impact Strategy, che mira a ridurre l’impronta di carbonio e creare un ambiente di lavoro inclusivo attraverso workshop interattivi sulla diversità, corsi di formazione sulla disabilità, eventi di sensibilizzazione e gruppi di sostegno per dipendenti.

(Fonte: BIGMAG)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *