[BNPL for Business] L’AI che apre nuove professioni: arriva il CAIO, Chief Artificial Intelligence Officer

Creare politiche condivise e non ostacoli sulla strada maestra dell’intelligenza artificiale per essere i battistrada per coloro che seguiranno. I CAIO dovrebbero porsi alcune domande chiave fornendo le risposte che servono alle proprie aziende.

L’intelligenza artificiale ha subito un cambio di paradigma nel novembre 2022, passando da una tecnologia che avanzava sullo sfondo ad una strategia aziendale di prima linea. Oggi abbiamo raggiunto la fase successiva dell’intelligenza artificiale generativa, con i consumatori che abbracciano la tecnologia e le organizzazioni che iniziano a investire su larga scala. La Gen AI è destinata a cambiare radicalmente il modo in cui le aziende funzionano e prosperano. In parole povere, rielaborerà il lavoro, in particolare tra i cosiddetti knowledge worker, facilitando anche l’emergere di nuovi ruoli professionali.

È il caso del CAIO, ossia il Chief Artificial Intelligence Officer. Con il ritmo veloce dell’adozione e le normative in rapida evoluzione, le aziende stanno cercando di capire come far progredire le loro strategie di AI in modo sicuro ed etico. Il primo ordine del giorno per un nuovo CAIO? Mettere dei guardrail di IA affidabili, non degli ostacoli, sulla strada maestra dell’intelligenza artificiale per essere i battistrada per coloro che seguiranno. I CAIO dovrebbero porsi alcune domande chiave quando iniziano a mobilitare i loro programmi di governance: dove usare l’AI nella propria organizzazione? Esiste una politica di utilizzo responsabile che ne regoli l’uso? C’è un approccio efficiente per monitorare e gestire i controlli?

Impatto professionale dei CAIO

Oltre la metà dei consumatori afferma che l’intelligenza artificiale di generazione ha un impatto significativo sulla loro vita professionale attuale e ancora di più ritiene che avrà un impatto significativo sulla loro vita professionale tra due anni.

Questi numeri aumentano significativamente per le generazioni più giovani. Tuttavia, c’è una certa divisione sul “come” cambierà la vita professionale. L’ignoto può sembrare scoraggiante, ma la familiarità genera conforto. Le organizzazioni possono aiutare ad affrontare le paure dei dipendenti mettendo l’intelligenza artificiale di generazione nelle loro mani utilizzando sistemi sicuri e protetti e fornendo formazione e sviluppo.  

Ampia formazione

Forse ancora più importante, l’ampia accessibilità è il modo in cui si innesca la curva di innovazione con l’intelligenza artificiale di generazione. Un approccio top-down ai casi d’uso difficilmente identifichi le opportunità più entusiasmanti, che si tratti di un nuovo prodotto, di un modello di business o di un enorme aumento della produttività. Serve dunque formazione e non a caso, tante società sono desiderose di aiutare i propri dipendenti, con una formazione obbligatoria sull’AI generativa. Questo perché i CAIO devono avere l’autorità e l’influenza per mobilitare le loro organizzazioni, dai lavoratori della conoscenza di tutti i giorni ai loro pari dirigenti e al consiglio di amministrazione. La necessità di una strategia completa di gestione del cambiamento e di comunicazione non può essere sottovalutata.   

In questo momento di disruption, le organizzazioni AI-first probabilmente emergeranno come vincitrici; quelle che sono lente a evolversi potrebbero trovarsi in difficoltà a tenere il passo con i loro concorrenti più agili. Il vantaggio del “fast-follower” si è ridotto. Per i CAIO, questo rappresenta una sfida enorme ma anche un’opportunità per guidare le loro organizzazioni verso il futuro.

(Fonte: Key4Biz)

#buynowpaylater #bnpl #b2b #ecommerce #openbanking #psd2
#fintech #future #credito #cashflow #Allianztrade #money #startups #innovation
#InnovazioneAziendale #PagamentiFlessibili #BusinessIntelligence
#InStore #PayLink #Allianztradeitalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *