[BNPL for Business] Juventus Forward, nasce il programma della società bianconera per l’innovazione

Guidato da Carolina Chiappero, vuole collegare il mondo Juve con startup e incubatori – Al via la collaborazione con Huware per accelerare l’innovazione digitale nello sport.

Quello della Juventus è un programma grazie al quale la società bianconera vuole valorizzare il suo approccio al tema dell’innovazione nello sport, affiancando progetti tech interessanti per il settore, grazie a partnership, campagne di comunicazione destinate ai giovani, open innovation e call for ideas. La novità è che le diverse iniziative in campo sono state riunite in un unico contenitore – Juventus Forward – che punta a diventare il brand per i progetti innovativi in casa Juventus.

Il programma Juventus Forward, coordinato da Carolina Chiappero, Innovation Manager Juventus, ha come obiettivo l’interazione della società con l’ecosistema dell’innovazione rappresentato da istituzioni, Start-up e Acceleratori. «Abbiamo affrontato l’Innovazione con un approccio strutturato – spiega Chiappero – partendo da un framework sino alla definizione dei diversi obiettivi, anzitutto quello di tradurre idee in valore, come appunto l’applicazione di nuove tecnologie al mondo dello sport, dalla performance al business, poi quello di posizionare la Juventus come una società attenta al cambiamento, fino ad arrivare all’introduzione di una vera e propria cultura dell’innovazione. Forward è la fusione di due anime del Club, quella Corporate e quella sportiva (Sport Science e R&D)».

L’attenzione del mondo Juve ai temi dell’innovazione non comincia oggi. La collaborazione nell’ambito del progetto i-BrainTech, un “simil”- videogioco controllato esclusivamente da impulsi cerebrali, ad esempio, è valso alla Juventus e a Carolina Chiappero il premio Innovazione dell’anno al Social Football Summit 2023. Obiettivo della società, attraverso lo sviluppo di iBrain Tech, è quello di testare una tecnologia che possa avere un impatto positivo sul processo di recupero dei giocatori infortunati e di elevare la resa atletica sul campo degli atleti. L’allenamento cognitivo è di fatto una nuova frontiera da esplorare per il miglioramento delle prestazioni sportive, un approccio destinato a rivoluzionare il modo in cui giocatori e staff affrontano le sessioni di allenamento quotidiane.

Tra le collaborazioni strategiche messe in campo dalla società c’è quella con l’acceleratore in SporTech WesportUp, Acceleratore della Rete Nazionale CDP dedicato a Sport & Wellness. A cui ora si aggiunge la partnership con Huware, Cloud consulting Company, che sarà presentata al Google Cloud Summit di Milano, allo scopo di sviluppare casi d’uso di applicazione dell’Intelligenza Artificiale dalla performance ai contenuti per accelerare l’innovazione digitale nello sport.

Il Wellbeing, la ricerca dell’equilibrio mentale e fisico, è stato il tema al centro dell’ultima collaborazione tra il Club bianconero e H-FARM College. «Abbiamo sperimentato – spiega Chiappero – forme di open innovation capaci di coinvolgere i ragazzi». In campo una challenge studiata per permettere ai più giovani di pensare fuori dagli schemi, andare oltre il campo da gioco per ideare, modellare e pianificare un nuovo e inedito modo di interagire con il Club da parte della GenZ. Da questa “call for ideas” è nata la serie podcadst “Stories of Strenght” un nuovo podcast lanciato dalla Juve e dedicato all’importanza della forza mentale. Juventus e H-FARM hanno poi dato continuità alla loro collaborazione, avviata con la challenge “Beyond The Pitch”, con altre attività come ad esempio uno “Storming Pizza”, evento durante il quale le startup presenti – Kama, Pic roll, GymHomies, Sporwig e Unforged – hanno condiviso il proprio progetto.

Il Club bianconero e la startup Sportwig hanno lanciato poi una serie di video dedicati al progetto Juventus Academy. Sportwig è una startup selezionata nell’ambito di WesportUp su oltre 600 progetti innovativi in ambito sportivo e funziona da piattaforma edutech che abbina l’esperienza dei migliori professionisti dello sport e l’intelligenza artificiale per rendere l’apprendimento semplice, efficace e alla portata di tutti. «L’idea è proprio quella di testare al nostro interno le innovazioni, per poi validarle. Da questa esperienza è nato un Proof of concept che sviluppa un nuovo corso digitale disponibile per i coach delle nostre Academy all’estero» spiega Chiappero.

Il modello è quello che fa riferimento ai percorsi costruiti da alcuni tra i più importanti club europei con realtà come il Barça Innovation Hub, il Real Madrid Next o l’esperienza dell’Arsenal in Inghilterra. «Capiremo anche se implementare un vero e proprio incubatore – conclude Chiappero – nel frattempo continueremo a portare avanti attività che vedano il coinvolgimento di startup su temi specifici. Tra due settimane parteciperemo ad una Startup challenge sempre con l’idea di cercare soluzioni concretamente applicabili. Crediamo in particolare nel modello del Venture clienting per testare innovazioni che possano generare valore aggiunto per la società».

(Fonte: IlSole24Ore)

#buynowpaylater #bnpl #b2b #ecommerce #openbanking #psd2
#fintech #future #credito #cashflow #Allianztrade #money #startups #innovation
#InnovazioneAziendale #PagamentiFlessibili #BusinessIntelligence
#InStore #PayLink #Allianztradeitalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *