[BNPL for Business] Auto elettriche, anche Fisker fallisce. Passività fino a mezzo miliardo

La casa californiana ha prodotto oltre 10mila veicoli nel 2023, meno di un quarto dell’obiettivo, ma ne ha consegnati solo circa 4.900

Mesi di agonia, senza esito. La disperata corsa al salvataggio, con una vendita sottocosto dei suv Ocean in stock, non è riuscita. Il produttore californiano di veicoli elettrici Fisker ha presentato istanza di protezione dalla bancarotta (Chapter 11) lunedì sera, con l’intento di vendere i propri beni e ristrutturare il debito, dopo aver esaurito rapidamente le risorse finanziarie per la distribuzione negli Stati Uniti e in Europa. Le vendite non hanno soddisfatto le aspettative, complice il calo della domanda. Nel 2023 sono stati prodotti 10.193 esemplari del suv elettrico da 700 km di autonomia, meno di un quarto dell’obiettivo, e ne sono stati venduti appena 4.929. I ricavi hanno toccato i 273 milioni di dollari a fronte di perdite nette per 762 milioni. Il titolo Fisker ha toccato un top di 28,50 dollari nel febbraio 2021 (pari a una capitalizzazione di 8 miliardi), per poi iniziare una discesa repentina e affondare definitivamente fino al delisting.

Produttori di veicoli elettrici come Proterra, Lordstown e Electric Last Mile Solutions sono anch’essi falliti negli ultimi due anni a causa dell’esaurimento delle riserve di cassa, difficoltà di raccolta fondi e problemi nella produzione dovuti a problemi globali nella catena di approvvigionamento. Anche le auto di Fisker sono state oggetto di indagine da parte delle autorità statunitensi per ragioni di sicurezza.

L’azienda di Manhattan Beach, fondata nel 2016 dal designer Henrik Fisker, un passato prestigioso da progettista della Bmw Z8 e dell’Aston Martin V8 Vantage, che ha un altro fallimento analogo alle spalle (fine 2013), aveva segnalato dubbi sulla sua capacità di rimanere in attività a febbraio e, un mese dopo, i suoi tentativi di ottenere un’iniezione di liquidità dalla giapponese Nissan per un progetto di pick up elettrico sono falliti, costringendola a ridurre le operazioni.

(Fonte: Ilsole24Ore)

#buynowpaylater #bnpl #b2b #ecommerce #openbanking #psd2
#fintech #future #credito #cashflow #Allianztrade #money #startups #innovation
#InnovazioneAziendale #PagamentiFlessibili #BusinessIntelligence
#InStore #PayLink #Allianztradeitalia

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *